© 2016 by ANDREA SE PERSO

  • b-facebook
  • Twitter Round
  • Instagram Black Round

Quanto è costato fare il giro del mondo? Ecco tutto quello che c'è da sapere!!

January 2, 2020

 

 

“Chissà quanti soldi ha quel ragazzo per poter girare il mondo..”

 

Ecco, questa è la  tipica frase di chi non è  mai uscito dall’Italia.

 

Chi almeno una volta nella sua vita ha messo lo zaino in spalla ed è stato viaggiatore anziché turista,

sa che è possibile viaggiare senza spendere cifre esorbitanti.

Ed è cosi anche per il giro del mondo.

 

Dunque Andrè ma alla fine quanto hai speso ?

La domanda che tutti si fanno è sempre quella, quanto hai speso ?

Pensate davvero sia solo una questione di soldi?

Fare un viaggio del  genere si pensa che sia possibile  solo per alcune persone,  quando in realtà costa meno di un auto nuova.

Tutto ruota intorno allo spirito di adattamento e alla volontà.

Se avete queste caratteristiche e siete disposti a mettervi  in gioco, allora vi spiego come fare!

 

Per un anno intorno al mondo, ho speso un budget  totale  di 12 000 euro .

A questo punto qualcuno potrebbe dire,  "lo faccio anche io a questa cifra."

Bene, potresti  farlo tranquillamente

ma dimentica comodità e lusso,

dimentica il buon cibo al quale sei abituato,

dimentica i confort di un bagno personale ed  i trasporti veloci .

Tutto questo è per i turisti e per fare un giro del mondo da turista non basterebbero neanche 40 000 euro probabilmente.

 

Dunque come fare?

Partendo dall’assunto di spesa  media mensile di un valore compreso tra i 600 e i 1000 euro a seconda del paese,

ci sono alcune regole o consigli che bisogna adottare.

 

Regola numero uno:  per risparmiare il  pagamento delle notti,  bisogna non pagarle!

Se dovessimo pagare tutte le notti del nostro viaggio per una stanza privata con una media di 20 euro a notte, avremmo una spesa totale solo di pernottamenti di 7300 euro ( 20 x 365). Ossia TROPPO!

La prima  cosa da fare quindi, per risparmiare sulle notti è quella di non pagarle.

 

Come?

 

Uno dei metodi, è quello di utilizzare il sito www.couchsurfing.com

 

Costruito per mettere in contatto viaggiatori di tutto il mondo vi permette di contattare  persone di diversa nazionalità,  per chiedere loro ospitalità gratuita.

Se però questa scelta vi sembra troppo aperta rispetto alla vostra mentalità, ecco che vengono in aiuto gli ostelli.

La parola ostello in Italia è spesso associata a Bettola o luogo sudicio.

Non è assolutamente cosi. 

Le differenze tra un hotel e un ostello sono relative alla privacy,

che comunque viene rispettata con un regolamento interno che cambia a seconda della struttura.

Oltre alle tantissime attività che sono organizzate giornalmente  per socializzare con gli altri ospiti,

l’ostello ti permette di dormire a costi relativamente bassi  a  patto di dover condividere una stanza ed i bagni con altre persone.

I piu scettici possono anche scegliere camerate da 4 persone e le donne possono scegliere camerate di sole ragazze.

Il prezzo medio per una notte in ostello è di 6 euro  ma molti ostelli permettono di dormire gratis lavorando per 4 ore, svolgendo attività di receptionist o pulizie.

Dunque, dopo aver capito come risparmiare sulle notti analizziamo i trasporti ed il cibo.

 

Per il cibo ovviamente il consiglio è quello di mangiare per strada, senza paura ma con le giuste accortezze.

In Asia soprattutto,  lo street food è la peculiarità del paese, ed il fatto di mangiare per strada vi permette di risparmiare tantissimo. 

Ad esempio il Pad Thai (piatto tipico Thailandese) mangiato  in strada ha un costo di 1 euro , stesso piatto al ristorante ha un costo di 5/6 euro.

Inoltre quello di fare la spesa al supermercato è sempre il metodo più produttivo e meno dispendioso.

Cosi facendo, potrete cucinare ciò che volete utilizzando la cucina messa a disposizione dagli ostelli.

 

Trasporti:

Per gli spostamenti   utilizzate sostanzialmente il mezzo più economico che riuscite a trovare.

In Asia il costo degli aerei  è molto basso ed i biglietti si possono acquistare a basse cifre anche qualche giorno prima rispetto alla data di partenza.

Gli  Autobus sono invece un ottima alternativa .

Se non vi abbattono i lunghi tragitti, questi permettono lunghi spostamenti a pochi euro e spesso hanno confort superiori agli standard italiani,

con wifi a bordo e televisione con film e musica.

 

Infine le regole  fondamentali per non tornare a casa dopo un mese sono:

 

1: Rispettare un budget giornaliero di spesa che non può essere oltrepassato .

Avere un budget di spesa giornaliero permette di dare un limite ai vostri acquisti con un calcolo preciso di denaro da utilizzare nelle attività giornaliere.

 

2: Lavorare

Che vogliate o no un budget di 12 000 euro, se pur abbondante non è sinonimo di garanzia per il vostro viaggio.

Affronterete  imprevisti , incidenti e situazioni che vi faranno spendere dei soldi che non avevate calcolato in precedenza,

Un budget abbondante serve per l’intero viaggio ma avrete comunque bisogno di monetizzare in qualche modo.

Il sito www.Workaway.com ad esempio, è un dei più importanti siti per trovare lavori part-time in tutto il mondo .

Oltre a questo, il consiglio è di fermarvi più di qualche mese in Australia per racimolare dei soldi.

Le opportunità lavorative sono illimitate ed i profitti che si riescono ad ottenere sono più alti di qualsiasi nazione dell’Asia o del sud America.

Inoltre, vi è la possibilità di lavorare anche senza una conoscenza dell’inglese o con solo un diploma di scuola superiore.

 

Queste sono solo alcuni dei consigli per chi volesse realizzare il giro del mondo o solo viaggiare per più tempo.

Ora sta a voi decidere se prenderli con coscienza e utilizzarli a proprio piacimento o continuare a sparare  frasi senza senso basate sull’ignoranza .

 

Chissà quanti soldi ha quel ragazzo per poter girare il mondo cit.

 

 

 

Please reload